Basse riserve di cambio suggeriscono che i trader di futures sono in eccesso di leva finanziaria

Il numero di Bitcoin detenuti in borsa continua a diminuire nonostante il crescente interesse aperto verso i mercati a termine.

L’aggregatore di dati di mercato di Cryptocurrency Glassnode ha segnalato che il numero di Bitcoins (BTC) detenuti sulle borse centralizzate è sceso a un minimo di 12 mesi.

Il declino delle riserve di scambio arriva in mezzo a numerosi record recenti per l’interesse aperto nei contratti a termine Bitcoin Billionaire, suggerendo che molti trader potrebbero essere in eccesso di leva.

Meno del 15% dei Bitcoin è detenuto in borsa

Il 24 giugno Glassnode ha registrato un nuovo minimo annuale nel numero di BTC detenute in borsa, con oltre 2,624 milioni di BTC. Come tale, il numero di Bitcoin custoditi sulle borse centralizzate è diminuito del 10% dal febbraio di quest’anno.

Il declino delle monete detenute in borsa è avvenuto in un momento in cui è aumentato l’interesse aperto, o OI, per i futures Bitcoin, con Glassnode che ha registrato un nuovo massimo di tre mesi per l’OI su Bitfinex nello stesso giorno.

L’OI Bitcoin combinato tra le principali borse dei futures ha superato il miliardo di dollari per la prima volta nel corso del mese di maggio, prima di salire rapidamente di un ulteriore 50% per raggiungere il valore di 1,5 miliardi di dollari all’inizio di questo mese.

L’aumento è stato trainato in parte dall’aumento dell’attività sui mercati BTC del Chicago Mercantile Exchange, con un volume in crescita del 1.000% nel corso del mese di maggio.

DeFi sta sifonando monete dalle borse?

Tuttavia, la combinazione dell’espansione dell’interesse aperto a fianco della diminuzione delle riserve detenute nelle borse suggerisce che molti trader possono essere fortemente sfruttati – con l’OI che continua ad espandersi nonostante l’apparente calo delle garanzie disponibili.

La crescente popolarità dei protocolli finanziari decentralizzati può anche aver contribuito alla diminuzione del numero di monete detenute in borsa. Il valore totale delle attività bloccate nei progetti DeFi è più che raddoppiato da metà gennaio, secondo DeFi Pulse, da 700 milioni di dollari a 1,6 miliardi di dollari.

Gli investitori che utilizzano Bitcoin sintetico per accedere alle applicazioni DeFi basate sull’Ethereum possono anche utilizzare i futures per coprire i loro asset sottostanti, così come gli speculatori che cercano di bloccare il valore fiat delle loro partecipazioni nel contesto del recente frammentato consolidamento dei mercati BTC.